Archeologia vietata

Una goccia d'acqua di mare

Basterebbe una goccia d'acqua per far svegliare la vita su un pianeta sterile

In molti non riescono a immaginare quanto sia veloce infettare di vita un pianeta sterile e senza vita.

.

Pensate: come si può dare vita ad un "nuovo" pianeta sterile, che si trova alla giusta distanza dalla sua stella centrale ed abbia abbastanza acqua sulla superficie?

Se la temperatura è buona e supponendo che il pianeta ruoti intorno al proprio asse, è molto facile da gestire. Si dà una goccia della nostra acqua di mare in uno degli oceani del pianeta sterile e in un solo anno si ha abbastanza ossigeno su tutto il pianeta per il mondo animale. Naturalmente anche nell'ipotesi che abbia ancora sufficiente attività vulcanica per produrre CO2. Senza CO2 non c'è fotosintesi e quindi non c'è ossigeno.

.

Non dimentichiamoci che il 90% dell'ossigeno della Terra proviene dalle alghe dei mari e non dalle piante terrestri.

.

1. L'odierna venere

La Venere di oggi è un pianeta molto caldo, la cui atmosfera è composta per il 95% di CO2. La CO2 è prodotta dall'attività vulcanica. La CO2 è il gas più importante di cui il nostro mondo vegetale ha bisogno sulla terra. A causa del calore dei raggi solari e del calore proveniente dall'interno di Venere, la superficie di Venere raggiunge una temperatura di oltre 400C. Questo rende il terreno leggermente rovente e anche lo stagno diventa liquido su di esso. Le tempeste su Venere possono raggiungere velocità del vento fino a 350 km/h.

Venere oggi è un pianeta inospitale, inadatto e mortale per la vita biologica della Terra.

2. La Venere di domani

In poche centinaia di milioni di anni il sole e l'interno di Venere si saranno raffreddati notevolmente. Di conseguenza le tempeste diminuiranno. L'acqua e le altre sostanze, prima gassose, si depositeranno e formeranno laghi e mari.

.

Ora sostengo che una sola goccia della nostra acqua di mare "attuale" sarebbe sufficiente a dare a Venere in un solo anno un atmosfera d'aria con sufficiente ossigeno.

.

Cosa suppongo lo vorrei spiegare qui di seguito.


3. La riproduzione delle alghe marine

Le microalghe si riproducono per semplice divisione cellulare. Se si suppone che la divisione cellulare avviene ogni poche ore - nel caso dei semplici protozoi (alghe) - allora da ciò ne risulta un numero enorme di cellule in 120 giorni. Questi 120 giorni corrispondono a circa una giornata di sole su Venere. Infatti la fotosintesi avviene con la luce del sole.

Facciamo un calcolo

Ammettiamo
che ogni 24 ore (sulla Venere di domani) ogni protozoo di alga si divide 3 volte.
Ossia ogni 8 ore.
Ciò significa che si riproduce mediante divisione 3x al giorno.


la divisione cellulare

Da ciò ne risulta 120 x 3 = 360 "raddoppi".

Il calcolo è semplice:

2360 = microalghe che coprono tutto il pianeta.


Ripetiamo la fotosintesi:

6 H2O + 6 CO2 + luce = 6 O2 + C6H12O6

Con ciò avremo risolto il problema dell'ossigeno. Su un pianeta che ha la giusta temperatura e c'è abbastanza CO2 (anidride carbonica), è possibile creare un guscio d'aria con ossigeno in un solo anno. Questo viene fatto con l'aiuto di alghe marine unicellulari. Se l'attività vulcanica è ancora sufficientemente attiva (come sulla terra), le alghe possono produrre sufficiente ossigeno dalla CO2. Altrimenti, si può raddoppiare con batteri zoologici unicellulari che producono CO2.

Ora l'Arca di Noè può atterrare