Il Brodo Primordiale o Prebiotico

6.06.2022

Il Brodo primordiale o prebiotico


Per "brodo primordiale" intendiamo il "miscuglio casuale" di sostanze chimiche che, a una certa temperatura e forse con l'esposizione alla luce, ha provocato la formazione della prima cellula biologica.

protozoen, euglypha
Protozoa, Euglypha unicellulare
Opera di http://bodenlabor.de - Autore Dott. Eugen Lehle

Wikipedia.IT 2022.05

Il brodo primordiale, noto anche come brodo prebiotico[1], è un ipotetico ambiente ancestrale in cui si pensa possano essere avvenuti gli eventi chimico-fisici che avrebbero poi dato origine alla vita sulla terra[2]. Dal punto di vista chimico il brodo primordiale è una miscela acquosa di sali inorganici e vari composti chimici semplici a base di carbonio, idrogeno, ossigeno e azoto, sia di natura organica (idrocarburi, amminoacidi, acidi carbossilici, brevi polimeri) sia di natura inorganica (ammoniaca, anidride carbonica).


Possibile formazione sulla Terra e su Titano (luna di Saturno)

La maggior parte degli scienziati ritiene che il brodo primordiale della Terra si sia formato milioni, se non miliardi di anni fa. Negli ultimi anni, anche Titano ha dovuto essere incluso nella cerchia del brodo primordiale, perché Titano ha una grande quantità di materia organica.

Ma questo amplia enormemente la conoscenza scientifica. Perché fino a poco tempo fa si pensava che questo fosse il caso solo della Terra.


primordial soup
Fantasia colorata del brodo primordiale

L'esistenza di vita su Titano

Wikipedia.IT 2022.05

L'attuale composizione atmosferica di Titano è ritenuta essere simile a quella della seconda atmosfera della Terra (quella che precedette e condusse allo sviluppo degli esseri viventi che rilasciarono l'ossigeno in atmosfera, sebbene non si possa stabilire una completa analogia perché Titano è molto lontano dal Sole e piuttosto freddo. La presenza nell'atmosfera di composti organici complessi lo rende oggetto di notevole interesse per gli esobiologi. L'esperimento di Miller-Urey e altre prove in laboratorio dimostrano come si possano sviluppare, in un'atmosfera simile a quella di Titano e in presenza di radiazione ultravioletta, molecole complesse come la tolina.

Gli esperimenti suggeriscono che vi sia materiale organico sufficiente perché su Titano possa avvenire l'evoluzione chimica avvenuta sulla Terra. Perché questo avvenga, tuttavia, si presuppone che sia presente acqua liquida per periodi più lunghi di quelli attualmente osservati. Se la crosta di Titano si compone grandemente di ghiaccio d'acqua, è stato ipotizzato che un impatto ad alta velocità di un corpo celeste potrebbe comportare la formazione di un lago d'acqua che si manterrebbe liquida per centinaia d'anni, periodo sufficiente per la sintesi di molecole organiche complesse. Inoltre, se l'interno della luna fosse completamente roccioso, le maree gravitazionali di Saturno avrebbero condotto alla formazione di rilievi di altezze piuttosto significative; viceversa, le rilevazioni della sonda Cassini indicano che questi raggiungono altezze piuttosto modeste. Ciò può essere giustificato dalla presenza di un oceano di acqua mista ad ammoniaca sotto la crosta e, sebbene vi si raggiungerebbero condizioni estreme per organismi terrestri, è stato comunque ipotizzato che possa ospitare organismi viventi.

Altri pianeti in altri sistemi solari

Dato che è molto probabile che due pianeti del nostro sistema solare abbiano creato il brodo primordiale, possiamo ben supporre che il brodo primordiale si sia creato anche in quasi tutti gli altri sistemi solari. Quindi possiamo anche supporre che esseri viventi intelligenti vivano attualmente su molti altri pianeti.



La possibile temperatura per la creazione del Brodo Primordiale

È di fatto che, all'inizio tutti i corpi celesti del sistema solare erano sfere di fuoco liquide e incandescenti. Che si tratti di un Big Bang o di una nube di gas è irrilevante e non viene discusso qui. La Terra e gli altri corpi celesti erano palle di fuoco incandescenti di magma liquido quando si sono formati.

Ma se fosse stato così, sicuramente TITANO non sarebbe potuto diventare un pianeta ghiacciato da un secondo all'altro.

Quindi, dobbiamo discutere dapprima dei periodi di calore, o della sequenza delle condizioni termiche nel sistema solare. Presumo che il nostro Sole abbia mostrato un'attività molto maggiore nel suo stato originale di 4,5 miliardi di anni fa e quindi abbia irradiato più energia termica. Inoltre, i corpi più piccoli si raffreddano più velocemente di quelli più grandi.

Il possibile decorso della temperatura nel nostro sistema solare

I. Creazione e stato primordiale del sistema solare

Nel loro stato originario, tutti i pianeti e le lune erano sfere incandescenti di magma. Su questo sono assolutamente d'accordo con la maggior parte degli astrofisici. Ma cosa è successo dopo?

urzustand des Sonnensystems

II. Primo periodo di raffreddamento dopo circa 1 o 2 miliardi di anni

Nell'entroterra del sistema solare Plutone e Caronte avevano probabilmente la temperatura giusta per gli idrocarburi e quindi anche per l'auto-creazione del brodo prebiotico.

urzustand des Sonnensystems

III. Secondo raffreddamento dopo circa 2 o 3 miliardi di anni

Il campo centrale del sistema solare aveva probabilmente la temperatura giusta per noi creature idrocarburiche. Mentre Venere e la Terra erano ancora troppo caldi.

urzustand des Sonnensystems

IV. Ulteriore raffreddamento e stato attuale dopo 3 - 4,5 miliardi di anni

Venere è ancora troppo calda. La Terra alla giusta temperatura e tutti gli altri corpi celesti troppo freddi.

urzustand des Sonnensystems

Questo porta inevitabilmente alla domanda oggettiva: "perché" il "brodo primordiale" non dovrebbe essersi sviluppato prima nell'entroterra del sistema solare? Cioè la miscela che avrebbe dovuto rendere possibile il primo organismo unicellulare e quindi dare inizio al periodo Cambriano.